vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di Verretto appartiene a: Regione Lombardia - Provincia di Pavia

Domande e risposte Servizio Sanitario

Scheda del servizio

Descrizione
L'assistenza sanitaria è disciplinata da una normativa molto complessa. I servizi prestati dalle ASL,altre strutture pubbliche e private sono molteplici. Il capitolo fornisce tutte le indicazioni essenziali su questo importante argomento, che coinvolge sia noi personalmente sia le persone che fanno parte della nostra sfera affettiva e familiare.

Chi ha diritto all'assistenza sanitaria pubblica?
Tutti i cittadini italiani iscritti al Servizio sanitario nazionale.

L'iscrizione al Servizio sanitario nazionale è obbligatoria o facoltativa?
Tutti i cittadini italiani con residenza anagrafica in un Comune italiano, sono obbligatoriamente iscritti al Servizio sanitario nazionale (SSN).

Che cosa si deve fare per ottenere le prestazioni del Servizio sanitario nazionale?
É sufficiente provvedere all'iscrizione presso la Unità sanitaria locale (ASL) della propria area di residenza.

Che cosa è l'Azienda Sanitaria Locale (ASL)?
É l'ufficio locale che si occupa dell'assistenza sanitaria pubblica.

Quanti servizi svolge?
Tutti quelli che riguardano l'assistenza medico-sanitaria e l'igiene ambientale.

Quale è il documento che attesta l'iscrizione alla ASL?
La tessera sanitaria, che viene rilasciata dalla ASL di appartenenza.

Che cosa si deve fare in caso di smarrimento della tessera sanitaria?
Si richiede un duplicato presso la ASL di appartenenza, previa denuncia alle autorità competenti.

Quanto tempo dura l'iscrizione alla ASL?
É valida a tempo indeterminato e non ha scadenza, salvo trasferimento di residenza o domicilio.

É possibile l'iscrizione alla ASL dove non si è residenti?
Sì, è possibile per un periodo minimo di 3 mesi e massimo di 1 anno. L'iscrizione deve essere comunicata alla ASL di appartenenza.

Una volta iscritti alla ASL che cosa è necessario fare?
Si deve scegliere e indicare un medico di fiducia, sia generico sia pediatra se si hanno figli dietà minore di 14 anni. La scelta deve essere fatta tra i medici iscritti nell'elenco del luogo di residenza.

Si può cambiare il medico di fiducia scelto?
Sì, compilando un apposito modulo; contemporaneamente si deve indicare la sceltadi un nuovo medico.

Come è possibile sapere quali prestazioni sono garantite dalla ASL di appartenenza?
Informandosi presso la ASL stessa.

L'assistenza sanitaria è gratuita o a pagamento?
Bisogna distinguere fra medico di fiducia della ASL, visite specialistiche, assistenza ospedaliera, prestazioni diagnostiche ed esami di laboratorio, assistenza farmaceutica.Il principio generale è che ciascun utente partecipa alla spesa in relazione al proprio reddito; al di sotto di un certo reddito l'assistenza è gratuita, così come per gravi malattie o invalidità.

Quali cittadini sono esentati dalla partecipazione alla spesa sanitaria?
Tutti coloro che hanno età inferiore a 6 anni e superiore a 65 appartenenti ad un nucleo familiare con un reddito complessivo riferito all'anno precedente inferiore all'importo in vigore.
Sono anche esentati i portatori di malattie neoplastiche maligne, chi è in attesa di trapianti di organi, ititolari di pensioni sociali e loro familiari a carico, i disoccupati e i loro familiari a carico nonché i titolari di pensioni al minimo di età superiore a 60 anni ed i loro familiari a carico purché appartenenti a un nucleo familiare con un reddito complessivo, riferito all'anno precendente inferiore all'importo in vigore, aumentato se in presenza di coniuge e di 1 ulteriore milione per ogni figlio a carico.

Come è regolata l'esenzione per gravi malattie?
Ottenuta l'attestazione della ASL della esistenza della malattia, se si tratta di tumorimaligni o di soggetti in attesa di trapianto di organo l'esenzione è totale sia per i farmaci (fascia A e B)sia per le analisi e le prestazioni specialistiche erogate in regime ambulatoriale.
Per le altre malattie (diabete, artrite reumatoide, sclerosi, epatite B, tumore, AIDS e molte altre) l'esenzione è totale per i farmaci (fascia A e B) le analisi e le prestazioni specialistiche se si riferiscono alla malattia, salvo il ticket-ricetta per ogni prescrizione.Per altre malattie è a carico il 50% dei farmaci della fascia B mentre per le analisi e le prestazioni specialistiche èdovuto il pagamento di una quota fino ad un massimo del'importo in vigore.
Rientrano in questa categoria le donne in stato di gravidanza per le quali è in vigore un protocollo diagnostico consultabile presso la propria ASL o il medico di base.

Come è regolata l'esenzione per invalidità?
I mutilati e invalidi di guerra e i grandi invalidi del lavoro e per servizio hanno dirittoall'assistenza sanitaria completamente gratuita.
Per gli altri invalidi la gratuità riguarda soltanto i medicinali (fascia A e B) nonché le analisie le prestazioni specialistiche che si riferiscono all'invalidità, ma è a loro carico il ticket-ricetta su ogni prescrizione farmaceutica o specialistica.
Per le altre malattie è a loro carico il 50% dei farmaci della fascia B mentre per le analisi e leprestazioni specialistiche è dovuto il pagamento di una quota fino al massimo dell'importo in vigore.

Come si ottiene l'esenzione?
Presentando domanda alla ASL corredata della certificazione del medico specialista od ospedaliero, della tessera sanitaria e del codice fiscale. La ASL rilascia un tesserino che dè diritto alla multiprescrizione fino a un massimo di 6 pezzi del medicinale richiesto dalla patologia.

Come operano le esenzioni relative al reddito?
É necessaria l'autocertificazione con dichiarazione dell'interessato o di un suo familiare da apporresul retro della ricetta.

Qual è il reddito da considerare?
Quello dichiarato ai fini dell'IRPEF relativo all'anno precedente. Non si deve tenere conto delle pensionisociali, di guerra, delle indennità accessorie di queste ultime e di tutte le indennità e assegni corrisposti ai ciechi civili, sordomuti e invalidi civili.

Le autocertifiticazioni sono soggette a controlli fiscali?
Sì. Se queste risultano non veritiere, vengono recuperate le somme per le prestazioniindebitamente usufruite.

I medicinali sono gratuiti o a pagamento?
I medicinali sono divisi in tre fascie: A (essenziali), B (di rilevante interesse terapeutico)e C (a pagamento per tutti).
Per la prima si paga il solo ticket-ricetta e per la seconda il 50% del prezzo di vendita.

Quali spese deve sostenere chi è esentato dalla partecipazione alla spesa sanitaria?
Paga solo il ticket-ricetta per i farmaci della fascia A e B, per le analisi e le prestazioni specialistiche

Come è regolata l'assistenza ospedaliera?
Le prestazioni ospedaliere sono gratuite per tutti gli iscritti al Servizio sanitarie nazionale.

L'assistenza gratuita ospedaliera è sempre prestata in strutture pubbliche?
Può essere data anche in strutture private convenzionate. Se le cure avvengono in case di cura non convenzionate, si può ottenere un contributo alle spese da parte della Regione di residenza, con autorizzazione da parte della ASL di appartenenza, secondo modalità che possono variare da regione a regione. É perciò buona norma informarsi preventivamente presso la ASL di appartenenza. La richiesta del parziale rimborso va fatta alla ASL entro 180 giorni dalla dimissione accludendo l'autorizzazione preventiva al ricovero, la fattura originale della spesa sostenuta e una copia della cartella clinica.

Da chi è disposto il ricovero in ospedale?
Direttamente dal medico di accettazione dell'ospedale stesso, al quale si presenterà la tessera sanitaria, o dal proprio medico di fiducia con richiesta di ricovero scritta.

Come avvengono i ricoveri d'urgenza?
I ricoveri urgenti possono avvenire senza alcuna procedura amministrativa preventiva, cheviene fatta successivamente. Il ricovero d'urgenza può avvenire sia in ospedali pubblici sia in case di cura convenzionate e non convenzionate.

Come sono regolati i ricoveri per malattie croniche per lungo-degenti?
Questi tipi di ricovero possono avvenire in strutture pubbliche o convenzionate. Le spese di degenza sonoin parte o totalmente a carico dell'Ente pubblico.

Una volta compiute le formalità amministrative, il ricovero è immediato?
No, la domanda di ricovero viene inserita in una lista di attesa, che può richiedere anche tempilunghi prima di essere soddisfatta.

É possibile ottenere l'assistenza infermieristica a domicilio?
Attualmente questo tipo di assistenza non è compresa dal Servizio sanitarie nazionale.Nei casi di effettiva necessità può però essere fornita, su segnalazione del servizio sociale del Comune agli organi sanitari.

Il cittadino italiano può usufruire dell'assistenza sanitaria anche all'estero?
Sì, sia nei paesi della Unione Europea sia in quelli extracomunitari in base a convenzioni con l'Italia. Per maggiori informazioni ci si deve rivolgere alla ASL, che fornirà anche la documentazione attestante il diritto ad usufruire del servizio sanitario all'estero.

Che cosa deve fare il cittadino che vuole curarsi all'estero?
Deve recarsi presso la propria ASL ed informarsi sulle norme che riguardano il suo caso. Gli eventuali interventi riguarderanno comunque solo il ricovero ospedaliero all'estero.In generale la ASL autorizza le cure all'estero quando le strutture pubbliche o private italiane non sono in grado di soddisfare adeguatamente la richiesta in tempo utile o se c'è necessità di ottenere prestazioni all'estero da parte di centri 'altamente specializzati'.

Come è regolata l'assistenza sanitaria per i cittadini italiani residenti all'estero?
Negli Stati della Unione Europea e in quelli che hanno convenzioni con il nostro Paese, i ricoveri diretti d'urgenza sono gratuiti e possono avvenire in ospedali pubblici o cliniche convenzionate. Nei Paesi extracomunitari che non hanno convenzioni con l'Italia (ad es. Stati Uniti e Svizzera) i ricoveri sono a totale carico del paziente con la possibilità di ottenere un successivo rimborso delle spese.

Che cosa devono fare i cittadini italiani residenti all'estero, e temporaneamente in Italia, che hanno bisogno dell'assistenza sanitaria?
Devono regolarizzare la loro posizione presso la ASL dell'ultimo Comune italiano dove hanno avuto la residenza.

Che cosa avviene se ci si deve recare all'estero per essere ricoverati in ospedali specializzati?
I ricoveri in strutture altamente specializzate fuori dal nostro Paese possono essere gratuiti, una volta soddisfatte alcune condizioni sanitarie ed amministrative, variabili da Stato a Stato.

Che cosa è la guardia medica?
É un servizio, totalmente gratuito, che può essere chiamato a qualsiasi ora nei casi di grave necessità; esso offre assistenza medica immediata a domicilio.

Gli accertamenti e i trattamenti sanitari possono essere imposti?
Solo nei casi previsti dalla legge, ma sempre nel rispetto della dignità della persona e dei diritti civili.Questi interventi sono disposti con provvedimento del Sindaco, su proposta motivata di un medico, convalidata da un medico della struttura sanitaria competente.Dopo 48 ore dal ricovero l'iniziativa deve essere comunicata al Giudice tutelare competente.

Dove e quando possono essere prestate le cure per persone affette da malattie mentali?
Queste cure possono essere prestate nei servizi psichiatrici degli ospedali generali ma solo se esistono alterazioni psichiche tali da renderlo indispensabile; altrimenti vengono adottate misure sanitarie adeguate al di fuori dell'ospedale.

Quali sono i compiti del Giudice tutelare?
Una volta ricevuta l'informazione del ricovero forzato del malato di mente, cosa che deve essere fatta entro le 48 ore dal ricovero, il Giudice può convalidare o non convalidare il ricovero, e deve darne comunicazione al Sindaco. Quando necessario, adotta provvedimenti urgenti per conservare ed amministrare il patrimonio dell'infermo.

Che cosa succede se il ricovero del malato di mente dura più di una settimana?
Dopo il settimo giorno di ricovero, il medico competente del servizio psichiatrico deve informare il Sindaco, che a sua volta informa il Giudice tutelare circa la durata prevista del ricovero.

É possibile opporsi ad un trattamento sanitario obbligatorio?
Chi ne è sottoposto, o chi ne abbia interesse, può presentare al Tribunale ricorso contro il provvedimento di ricovero convalidato dal Giudice tutelare.

Chi è responsabile, amministrativamente, dell'assistenza psichiatrica ospedaliera?
Le Regioni, sia quelle ordinarie sia quelle a statuto speciale.

Dove vengono eseguiti i trattamenti sanitari per i malati di mente?
Presso i servizi sanitari e presìdi extra-ospedalieri che hanno il compito di prevenire e riabilitare i malati di mente. Lo scopo è quello di favorire una piena integrazione del malato mentale nella sua vita familiare e sociale.

Che cosa avviene se il cittadino ricoverato è straniero o apolide?
Il provvedimento deve essere comunicato al Ministero dell'Interno e al consolato del Paese di appartenenza del ricoverato. La comunicazione avviene tramite il Prefetto.

Ufficio di competenza

Nome Descrizione
Area Amministrazione Generale
Responsabile Bariani Roberto
Personale Bello Fabiana
Indirizzo Via Mazzini, 30
Telefono 0383.84570
Fax 0383.84480
EMail bariani@comune.verretto.pv.it
bello@comune.verretto.pv.it
PEC comune.verretto@legalpec.it
Apertura al pubblico
Apertura al pubblico
Giorno Orario
Lunedì 9:00 - 12:00
Martedì 9:00 - 11:00
Mercoledì 9:00 - 12:00
Giovedì 9:00 - 11:00
Venerdì 9:00 - 12:00
Sabato 9:00 - 12:00